.
Annunci online

 
parlami 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Repubblica
Beppe Grillo
you tube
MicroMega
Franca Rame
pagine bianche
Claudio Cavallari
BELVILLE
Robero Saviano
MADE IN SANDRINE
La Stampa
videobomb
Best Movie
ALDO VINCENT
trovacinema
il cineforum
cineclick
rosso di sera
storia di Berlusconi
i video di Berlusconi
filmati da vedere
dario fo
Marco Travaglio
  cerca

            




daydream1950@libero.it












 

LUNARIO
IL TEMPO IN ITALIA

IL TEMPO NEL MONDO


ORARIO NEL MONDO

GOOGLE MAPS

 

passaparola 

italiadallestero.info/


VACANZE
STANZA 411
TEST SULL'AMORE
ITALIANI SOLITI PARASSITI
SANGUE BLU
REFERENDUM
DEVO
IL BATTESIMO DEL VOLO
SEMIFREDDO ALL'ANANAS
QUELLO CHE GLI UOMINI NON DICONO
RILASSAMENTO
VOLVER
NOGRAVITY
VLADIMIR
TERNO
LE PARTICELLE ELEMENTARI
NOSTALGIA
FANTASCIENZA
KOWALSKI il ritorno
AUGURI a MARTA
IL REGISTA DI MATRIMONI

CONSIGLI
SUGGERIMENTI
PARLAMENTO PULITO
IL CAIMANO
LA TERRA
AUGURI A CHIARA

CASTELLO DI PRALORMO
FINALMENTE
NOVITA' ?
PREVISIONI

PRIMAVERA
INCREDIBILE
GILDA
EUREKA
SILVIO MON AMOUR
A PROPOSITO DI COGLIONI
POVERA PATRIA
DER SPIEGEL
IL MALE
HO VISTO
MATTANZA
FILMATI SUL BERLUSKA
LEZIONI DI VITA
8 MARZO
CARNEVALE A VENEZIA
FAVOLA OLIMPICA
LA MOLE
IL MONTE DEI CAPPUCCINI
CO.CO.CO.
SESSO VIRTUALE
ORGOGLIO E PREGIUDIZIO
IO TI AMO (Stefano Benni)
FIAMMA OLIMPICA
PIATTO CON FIORI
DI VIOLE E LIQUIRIZIA
BROKEBACK MOUNTAIN





























Ho finito sei cuscini a punto croce,
leggo Jane Austen e Kant,
Sono arrivata al maiale con i fagioli neri al corso avanzato
di Cucina cinese.
Non devo lottare per trovare me stessa
Perché so già quel che voglio.
Voglio essere sana e intelligente e bella.
Imparo nuove vetrificazioni alla scuola di ceramica,
E suono nuovi accordi sulla chitarra,
A Yoga comincio a impratichirmi con la posizione del loto.
Non devo riflettere sulle priorità
Perché so già quali sono:
Essere bella, sana e intelligente,
E in aggiunta adorata.
Miglioro il servizio con un maestro di tennis,
Faccio pratica nelle declinazioni greche,
e con la terapia dell’urlo primario tutte le mie frustrazioni
si sono dileguate.
Non ho bisogno di chiedere che cosa sto cercando
Visto che so già che cosa cerco
Essere bella, sana e intelligente,
E adorata
E soddisfatta.
Sono rifiorita al corso di giardinaggio naturale,
E a danza le mie cosce si sono rassodate,
E al corso per lo sviluppo della consapevolezza
nessuno mi batte.
Lavoro giorno e notte
per essere bella, sana, intelligente.
E adorata.
E soddisfatta.
E coraggiosa.
E colta.
E una splendida padrona di casa,
Fantastica a letto,
E bilingue,
Atletica,
Artistica…
Qualcuno mi può far smettere per favore

da "Distacchi" di Judith Viorst

 







Che ci faccio con una crisi di metà vita ?
Stamattina avevo diciassette anni.
Cominciavo appena a divertirmi ed è già
Buonanotte a tutti
Di già.
Mentre mi chiedevo chi sarei stata
Quando un giorno sarei stata grande.
L’acne se ne andò e subentrarono
Le ginocchia deboli
Di già.
Perché mi sembra di ricordare Pearl Harbor?
Dovevo essere troppo piccola.
Quando hanno cominciato a perdere i capelli
I ragazzi coi quali mi vedevo?
Perché non posso passeggiare
a piedi nudi nel parco
Senza far prendere freddo ai reni?
C’è ancora della poesia in me e tutto questo
Non mi sembra giusto.
Mentre pensavo di essere solo una ragazza
Il mio futuro si trasformava in passato.
Il tempo dei baci appassionati
corre via in fretta
E’ l’ora dei primi cedimenti.
Di già?.

Judith Viorst


















Amore a prima vista

Sono entrambi convinti
che un sentimento improvviso li unì.
E' bella una tale certezza
ma l'incertezza è più bella.
Non conoscendosi prima, credono
che non sia mai successo nulla fra loro.
Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi
dove da tempo potevano incrociarsi?
Vorrei chiedere loro
se non ricordano -
una volta un faccia a faccia
forse in una porta girevole?
uno "scusi" nella ressa?
un "ha sbagliato numero" nella cornetta?
- ma conosco la risposta.
No, non ricordano.
Li stupirebbe molto sapere
che già da parecchio
il caso stava giocando con loro.
Non ancora del tutto pronto
a mutarsi per loro in destino,
li avvicinava, li allontanava,
gli tagliava la strada
e soffocando un risolino
si scansava con un salto.
Vi furono segni, segnali,
che importa se indecifrabili.
Forse tre anni fa
o il martedì scorso
una fogliolina volò via
da una spalla all'altra?
Qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.
Chissà, era forse la palla
tra i cespugli dell'infanzia?
Vi furono maniglie e campanelli
in cui anzitempo
un tocco si posava sopra un tocco.
Valigie accostate nel deposito bagagli.
Una notte, forse, lo stesso sogno,
subito confuso al risveglio.
Ogni inizio infatti
è solo un seguito
e il libro degli eventi
è sempre aperto a me.

Wislawa Szymborska

 

GLI ITALIANI









Peacereporter



FIRMIAMO
la petizione per LIBERADONNA




ASCOLTA LA RADIO
HIT PARADE
FILODIFFUSIONE

LE MIE CANZONI PREFERITE


Chiquitita

"What a wonderful world"

gli uomini non cambiano


SKY TG 24 IN DIRETTA
MUSICA E VIDEO
RADIO MONTECARLO
FABRIZIO DE ANDRE'


LA CANZONE DELL'AMORE PERDUTO





I MIEI BLOG AMICI

BRUBELL

BELLEVILLE ITALIA

MADE IN SANDRINE

I MIEI LIBRI            



QUI SI PARLA DI LIBRI

FILMATI/DOCUMENTARI
FABRIZIO LA PALOMBARA


SHOW REEL COMMERCIALS
DOCUMENTAIRES
FICTION




CLAUDIO CAVALLARI

TORI SEDUTI
L'ODORE DEL VELENO
COPPIE
IL VIAGGIO NEL FUTURO
PANOPTICON
LE PANTALON TAI
TORI SEDUTI

TROVATI SUL WEB

blog "diario di un palestinese confuso"
IL SOGNO

I VOLTI DELLE DONNE IN ARTE
dal sito La Repubblica

PERFETTE FOTO PER UN MONDO IMPERFETTO




VINCENT VAN GOGH





INDICE
per CLAUDIO
PASSEGGIATA
ESPERIMENTI
LA FUNE
BERCY
il muro dei "TI AMO"
VAFFA
CALORIE
FANTASIA
ONDE
TRAMONTO
MAYALE-DAY
MILLE SPLENDIDI SOLI
IL CALABRONE
STUPORE
LA BARCA IN SECCA
DEDICATO A...
POESIE ZINGARE
FATIDICI ANTA
PERCHE' NON MI ASCOLTI?
TEMPO
L'ULTIMA VOLTA
UNA DOMENICA POMERIGGIO
FIGLI
RITORNO A CASA
ALBA
 VACANZE
RICORDI
ABORTO
LA PAROLA DI DIO
COCAINA NELL'ARIA
ANTI KAMASUTRA
LA GAZZA PARLANTE
DEDICATA A...
MAMMA GATTA
I FIORI DEL MIO GIARDINO
BAMBINE NUBIANE
CROCIERA SUL NILO
ILLOGICA ALLEGRIA
25 APRILE
la lettera del MULLAH OMAR
TORI SEDUTI
BUONA PASQUA
UNO, NESSUNO, CENTOMILA
CARA AMICA
INTERVISTA AL MULLAH DADULLAH
poesia IL SANGUE
hich Nhat Hahn
A PROPOSITO d'APPARIRE
5 SACRIFICI PER APPARIRE
POESIA DELLA SERA
PER UNA DONNA SPECIALE
8 MARZO
BLOOD DIAMOND
SATURNO CONTRO - BORAT
LE TUE SPALLE
ECLISSI
DISCORSI CELEBRI
PENSIERO FILOSOFICO
RISULTATO
FILOSOFIA
MEGLIO UN DIAMANTE
FRASI DA FILMS
IL FUMO FA MALE
CAFFE' ARTISTICO
LA CANZONE DELL'AMORE PERDUTO
SAN VALENTINO
SACRIFICI di Tonino Guerra
BIGNE' con UVA PASSA e MELE
BUONI e CATTIVI
NON ESISTE IL PRINCPE AZZURRO
VITA
LA FORZA DEL PASSATO
BASTA UN DEODORANTE
I DUBBI DELL'AMORE
AUGURI YAS
NON CREDO
EPIFANIA
2006
MORIRE
BUON NATALE
ADDIO PIERGIORGIO
IL SOGNO
UCCIDETE LA DEMOCRAZIA
COLONIA
IL MIRACOLO
S. GIOVANNI ROTONDO
LETTURE
LETTURE VACANZIERE
INCONTRO


 

Diario | Film | libri | hobbies | le mie foto | che tempo fà | politica | poesie | teatro | ricette | canzoni | video | ultimissime | articoli di giornali |
 
Diario
1visite.

30 giugno 2006

TEST






M’amo,

non m’amo,

m’amo…

Ho fatto un test sulla rivista "Psychologies" di giugno e questo è il risultato:

Il mio livello di autostima è basso.

Quindi

NON MI AMO ABBASTANZA ?

Vediamo un po’:

sono abbastanza soddisfatta di me,

cerco sempre di migliorarmi,

forse sono troppo critica verso me stessa,

forse sono io che non amo troppo gli altri,

forse mi metto troppo in discussione,

forse sono troppo pigra per amarmi di più,

forse non mi sento amata abbastanza,

forse nessuno mi ama?

No, non è vero

...lassù qualcuno mi ama.




permalink | inviato da il 30/6/2006 alle 17:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

28 giugno 2006


"Italiani, i soliti parassiti"
Spiegel prepara la semifinale

"L'uomo italiano, chiamiamolo Luigi Forello - scrive Der Spiegel - è una forma di vita parassitaria", non può vivere senza un animale ospite "dal quale succhia più che può". "Luigi Forello - è l'opinione del giornalista tedesco - è perennemente impegnato a mostrare il suo bisogno di aiuto. Se non si chiama Luigi, si chiama Andrea o Luca, ma l'atteggiamento non cambia".


"Il suo obiettivo primario nella vita è l'ostentazione continua di affaticamento - scrive Achilles - e il suo animale ospite preferito è "La Mama", la sua nutrice tettona che gli lava i calzini e gli cucina ogni giorno la pasta con un bel sugo denso". E via a descrivere l'italiano mammone che sta a casa fino a 30 anni, poi si sposa e trasforma una "bella ragazza" in un'altra mamma tettona alla quale non presta alcuna attenzione, impegnato com'è a lucidare la sua Fiat e parlare di auto.

Ma è nello sport che si manifesta meglio tutta la perfidia insidiosa del "Luigi", "come milioni di persone possono vedere ogni anno sull'Adriatico". Ed ecco la descrizione del gioco italiano, che Achilles fa tratteggiando le mosse del tipo da spiaggia che si concede al pubblico dopo una lunga serie di riti vanesi. "Cammina impettito in giro per ore, per giocare alla fine massimo cinque minuti - scrive Achilles - Salta come un cretino tutt'intorno, sbraita come ha visto fare in tv, preferisce giocare la palla a terra in modo da colpire meglio le ossa degli altri".


Tralasciamo la descrizione del bellimbusto che infine si butta in mare per attirare l'attenzione delle signorine (meglio se turiste tedesche, ammette il giornalista). Alla fine dell'articolo la metafora viene spiegata. "Quel che è accaduto ieri non è dunque inusuale - chiosa Achilles - Grosso è caduto in area di rigore e sogghignava mentre era ancora in volo. Il non meno viscido Totti ha trasformato il rigore contro l'Australia, poi si è succhiato il pollice. E' andata come sempre. Venerdì saranno gli scalcianti taglialegna dell'Ucraina ad essere oliati e impastoiati. Così, seppur buoni a nulla, gli italiani arriveranno di nuovo fino alla semifinale. Ma poi, cari Luigi, non sarà sempre domenica. Noi abbiamo ancora un paio di conti aperti dall'ultima vacanza italiana".
 
leggi qui



Sarà per quello che hanno ammazzato l'orso bruno?

forse  lo hanno scambiato per un calciatore italiano?

                      




permalink | inviato da il 28/6/2006 alle 15:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

22 giugno 2006

SANGUE BLU

Adesso ho capito perchè i principi hanno il sangue blu.

                    




permalink | inviato da il 22/6/2006 alle 17:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

19 giugno 2006

REFERENDUM






IO VOTO NO!




permalink | inviato da il 19/6/2006 alle 23:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

16 giugno 2006


I piatti sporchi nel lavandino, la frutta che marcisce nel vassoio, il letto disfatto, i panni sporchi sparsi sulle sedie, i capelli nel lavabo, la cenere delle sigarette sparsa sui mobili.

Tutto mi dice che non ci sei più, che te ne sei andato.

Questa strana sensazione: tra liberazione e malinconia, paura del futuro e voglia di ricominciare, mi rende apatica.

La speranza di sentire le tue chiavi nella serratura mi fa sussultare ad ogni rumore. Vorrei che tu entrassi da quella porta per poterti vomitare addosso tutta la rabbia che ho dentro, la delusione che ha trasformato i ricordi in brutti ricordi e le tenerezze in falsità.

Forse è meglio così, devo riprendere in mano la mia vita, guardare avanti, superare la paura della solitudine.

La mia vita: una vita vissuta per gli altri aiutandoli a raggiungere l’indipendenza, ad andarsene senza rimorsi, ma ora

devo guardare il mio viso, il mio corpo e considerare le mie rughe una ricchezza della vita che passa.

Devo asciugare le mie lacrime e placare la mia rabbia.

Io sono più forte di te, non sei riuscito ad intaccare i miei valori, non sei riuscito a spezzarmi.

Devo guardarmi intorno, andare avanti, cercare… che cosa?

Da: "il giorno dopo"




permalink | inviato da il 16/6/2006 alle 14:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

13 giugno 2006

IL BATTESIMO DEL VOLO

La paura c'era, cercavo di non pensarci, però una volta partiti è stato
bellissimo. Questo è una piccola parte di quello che ho visto.










permalink | inviato da il 13/6/2006 alle 23:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

2 giugno 2006

SEMIFREDDO ALL'ANANAS

  

Ingredienti

300 gr. biscotti secchi
100 gr. burro
300 gr. Ricotta
100 gr. Zucchero
200 gr. panna liquida o a piacere sostituire con yogurt all’ananas
3 fogli di colla di pesce
1 scatola di ananas sciroppato
200 gr. di ciliegie
3 cucchiai di marmellata.

 

Schiacciate i biscotti, aggiungete il burro fuso e mescolate bene fino a formare una pasta
(se non riuscite, aggiungete un po’ di succo d’ananas oppure un po’ di liquore dolce).
Stendete questa pasta sul fondo di una teglia con i bordi a cerniera, che avrete prima imburrato.
Sbattete nel frullatore la ricotta con lo zucchero e aggiungete l’ananas,
lasciando qualche fetta da parte per la guarnizione.
Mettere la colla di pesce a bagno con un po’ d’acqua.
Quando è diventata morbida scioglietela sul fuoco con 2 cucchiai di latte e aggiungetela all’impasto di ricotta.
Aggiungete la panna o lo yogurt, mescolate il tutto e mettetelo sulla base dei biscotti livellandolo bene.
Mettere il frigorifero per 6/8 ore.
Quando si è rassodato, decorare con le fette di ananas avanzate.
In un pentolino fate scaldare la marmellata.
Lavate le ciliegie, togliete i gambi e mettetele nella marmellata mescolando delicatamente.
Quando le ciliegie sono morbide toglietele dal fuoco e fatele raffreddare. Versare il tutto sopra il dolce decorando a piacere.

Buon Appetito

                   




permalink | inviato da il 2/6/2006 alle 21:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        luglio